Dal 18 al 21 settembre una delegazione composta da rappresentanti di Legacoop Toscana e della cooperativa sociale Arca si è recata in Belgio, in Vallonia, ospite del sindacato FGTB (Fédération Générale du Travail de Belgique), nell’ambito di un progetto di promozione di nuova cooperazione che il sindacato belga sta portando avanti a partire dal confronto con Paesi che hanno visto crescere il modello cooperativo in modo consistente. Alcuni membri del sindacato belga erano stati ospiti in Toscana nel marzo scorso; qualche giorno fa ad andare in Belgio è stata una delegazione toscana composta da Massimo Muratori, presidente della cooperativa sociale Arca, Marco Paolicchi, responsabile Dipartimento Welfare Legacoop Toscana, Sara Guidelli e Olmo Gazzarri di Legacoop Toscana. Era presente anche una delegazione francese di un centro amministrativo di sostegno alla creazione di cooperative di lavoro della regione PACA (Marsiglia).

La tre-giorni ha fatto tappa a Liegi, Namour e La Louvière ed ha previsto numerosi incontri, dibattiti e visite. La giornata del 18 settembre è stata interamente dedicata all’incontro con rappresentanti del Municipio di Liegi. Il giorno successivo, il 19 settembre la delegazione toscana ha partecipato a vari incontri, sia di tipo politico sindacale con il Consiglio Generale della FGTB a Namour sia – nella sede di Liegi del Consiglio Economico sociale e ambientale della Vallonia – con rappresentanti di SOWECSOM e SOWACSESS, strumenti pubblici di finanziamento e accompagnamento delle imprese dell’economia sociale. Nel pomeriggio, sempre a Liegi, si è svolta una visita presso i locali della Dynamo Coop, coworking per il settore culturale nato da un complesso intreccio di iniziative di crowdfunding e mobilitazione sociale ed esperienza di gestione, in forma cooperativa, di un grande spazio comune, che ospita laboratori e atelier dedicati ai creativi di professione.

Il 20 settembre si è tenuto l’evento principale dello scambio fra delegazioni: l’incontro “Cooperative: perché noi no?” durante il quale le normative e le esperienze di cooperative di lavoro presenti in Italia e Francia sono state messe a confronto con quelle della Vallonia. Nell’occasione Muratori e Paolicchi hanno approfondito le caratteristiche, gli ambiti di lavoro e le principali attività svolte dalle cooperative sociali italiane. L’iniziativa, che si è svolta presso la sede della FGTB Centre di La Louvière, ha richiamato oltre 40 delegati e sindacalisti della FGTB di vari settori produttivi e provenienti da tutta la Vallonia. Il dibattito ha messo in luce le differenze fra i tre Paesi non senza soffermarsi sulle problematiche di sviluppo e di creazione di nuova cooperazione, nell’ottica di una comune visione dell’importanza della cooperazione per l’attuale fase europea e nella condivisione di fondo di valori etici e sociali fra le varie esperienze nazionali. Un’occasione preziosa, per tutte e tre le delegazioni, per riflettere insieme sia sulle prospettive future sia sugli strumenti più prossimi della cooperazione, con l’impegno di continuare l’attività di scambio e contaminazione delle reciproche esperienze cooperative.